More Website Templates @ TemplateMonster.com. November 21, 2011!

Discografia

 

2011. Venti Buoni Motivi - ed.Nota

“Gli elementi naturali [aria acqua terra fuoco] sono il luogo in cui le cose, i fatti umani, le storie personali, gli incontri e quello che producono, prendono la consistenza che meglio soddisfa la loro espressione. Anche la musica passa attraverso luoghi, persone, fatti e nel tempo prende una consistenza piuttosto che un’altra. I brani musicali danno aria, s’inginocchiano a terra, prendono fuoco e si spengono, come anche respirano, rotolano, ardono e si asciugano dopo un bagno in mare.”
Venti sono le tracce, i brani, le storie - scritte, cantate e suonate - che compongono l’originale percorso di quest’opera. Profonde radici musicali, fi ssate sopratutto nella tradizione orale del sud, alcune presenze d’autore (Enzo Del Re, Matteo Salvatore, Roberto De Simone,…) altre suggestioni ad est e sud del mondo e citazioni fra colto e popolare di culture apparentemente “altre”. Un percorso ciclico disegnato dalla voce e gli strumenti di Sara Giovinazzi e Ulrich Sandner, accompagnati per l’occasione da Helmi M’Hadhbi, Carlo La Manna, Gianmaria Stelzer, Salvatore Piromalli e Giordano Angeli a formare un gruppo - Alì’nghiastrë - che “canta da dieci anni la voce salmastra dei vecchi e seduto davanti al mare annusa ancora in ginocchio le corde dei suonatori ciechi”.

 

EURO 15,00

 

  • 01. Affaccete Marì (tradizionale)
  • 02. La leggenda del lupino (tradizionale)
  • 03. Garofullith (tradizionale)
  • 04. U cant du navgant (E. del Re)
  • 05. Si te credisse (G.Basile 1634/R. De Simone)
  • 06. Cicerenella (tradizionale)
  • 07. Mojë e bukura More (tradizionale)
  • 08. To tango tis Nefelis (L.McKennitt/ H. Alexiou)
  • 09. U sittaturu (tradizionale)
  • 10. Tarantella Fuoco e Fiamme (S. Piromalli)
  • 11. Li fundanelle (tradizionale / M. Salvatore)
  • 12. Voce ‘e notte (E. De Curtis / E. Nicolardi)
  • 13. Ninna Nanna (tradizionale)
  • 14. La bonasera (tradizionale/Gadaleta)
  • 15. Tarantella a Cirè (tradizionale)
  • 16. Lamouni elli gharou menni (H. Jouini)
  • 17. No trobaras la mar (M. del Mar Bonet)
  • 18. Tarantella di Sannicandro (tradizionale)
  • 19. Nia Nia Nia (tradizionale)
  • 20. Alfonsina y el mar (A. Ramirez/F. Luna)

     

     

     

 

2007. Montedidio

Abbiamo prodotto più di quello di cui abbiamo lasciato traccia sonora. Questo perché siamo sempre stati pigri e soprattutto sempre in movimento. Rigorosamente oscillatorio.

Ci riconosciamo  anche nelle parole degli altri. Così è accaduto per il bellissimo Montedidio di Erri De Luca, un libro denso di amore e stima per un quartiere sospeso tra due città e due destini.

A quelle città, a quei destini, abbiamo dedicato questo lavoro, uscito per non uscire mai dai nostri cassetti. Ma c'è e non possiamo far finta di nulla.

 

2000. omonimo

Nell'estate del 2000 gli Alì'nghiastrë registrano il loro primo CD vincendo il "III° Festival Acustico" del Caffè Paradiso.

"...Il disco contiene 12 tracce.
Si apre con Il diavolo e l'imperatrice, un brano originale che introduce un po' nel nostro piccolo mondo.
Nel disco ci muoviamo un po' dal Gargano al Salento. In un viaggio da nord a sud della Puglia partiamo dalla provincia di Foggia con le tarantelle di Carpino (viestesanë e mundanarë) e le funtanelle. Con tu bella lasciamo il sub-appennino dauno per spostarci nella provincia di Taranto con la bellissima tarantella di Massafra. Ci allunghiamo poi in Salento con tre pizziche (a scherma, tarantata e pizzica pizzica) e con la tarantella de la zita passa, in realtà diffusa in varie versioni in tutto il meridione d'Italia.
L'ultimo pezzo è invece una piccola sortita in Campania, il nostro piccolo omaggio alla Madonna di Castello..."